Mettiti in contatto con professione Fotografia

Workshop fotografici (Torino, Milano, Genova, Roma) news, corsi di fotografia, mostre ed eventi, tutorial photoshop.

Per segnalare eventi, mostre, workshop, o solamente per mettersi in contatto con noi, inviate una mail a: professione.fotografia@live.it

Seguici su Facebook e su Twitter!!!


sabato 30 aprile 2011

Mostra fotografia Medici Senza Frontiere Torino, Milano e Roma

A 40 anni dalla sua fondazione Medici Senza Frontiere lancia il tour nazionale “Un centro nutrizione in città – Quando il cibo non basta”

Prima tappa a Milano (3-8 maggio), seconda a Torino (12-16 maggio) e chiusura a Roma a il 16 ottobre in occasione della Giornata Mondiale dell’alimentazione


In occasione del 40° anniversario della sua fondazione, Medici Senza Frontiere (MSF) lancia il progetto “Un Centro nutrizione in città”. Un vero e proprio centro nutrizione, con tutti gli strumenti e i materiali usati nei contesti in cui opera MSF, verrà allestito in cinque città italiane nel corso del 2011: Milano, Torino, Roma, Ferrara e Mantova. L’obiettivo di questo progetto è sensibilizzare l’opinione pubblica, e in particolare gli studenti delle scuole secondarie di secondo livello, sul tema della malnutrizione e sulle nuove strategie di cura per combattere un male che ogni anno colpisce 195milioni di bambini. L’iniziativa nazionale “Un centro nutrizione in città” partirà da Milano il prossimo 3 maggio (fino all’8 maggio), proseguirà a Torino al Salone del Libro (12-16 maggio) e si concluderà a Roma in occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione (16 ottobre).

Il “Centro nutrizione”, una struttura di 90 metri quadrati, permetterà ai visitatori di “vedere da vicino” che cosa significhi oggi la malnutrizione per milioni di bambini e quali siano le soluzioni messe in campo per curarla. La struttura è divisa in due ambienti: un percorso multimediale con i documentari video-fotografici realizzati dai fotografi dell’agenzia internazionale VII Photos per raccontare le storie di chi lotta quotidianamente contro la malnutrizione e un percorso esperienziale attraverso tutte le fasi che caratterizzano l’intervento in contesti di emergenza nutrizionale. Tre operatori umanitari di MSF faranno da guide per condurre i visitatori e gli studenti all’interno del centro, per spiegare cos’è la malnutrizione e quali sono le soluzioni oggi utilizzabili per ridurre la mortalità infantile.

Con questo progetto vogliamo far avvicinare i cittadini alla malnutrizione. Per questo andiamo oltre i normali strumenti che la illustrano, come opuscoli e pagine dei giornali: l’idea innovativa è di far toccare con mano il problema perché possa essere più comprensibile e per mostrare che esistono valide soluzioni per affrontarlo”, dichiara Kostas Moschochoritis, Direttore generale di MSF Italia.

Attraverso alcuni supporti multimediali, i visitatori potranno calarsi in una situazione di emergenza nutrizionale per conoscere le storie e i volti delle persone che la vivono tutti i giorni. E potranno ascoltare le testimonianze di coloro che si battono ogni giorno contro di essa attraverso la voce degli operatori umanitari di MSF.

L’iniziativa “Un centro nutrizione in città” fa parte della campagna internazionale di sensibilizzazione di MSF “Starved for attention: il cibo non basta”, lanciata per chiedere la riforma dell’attuale sistema degli aiuti alimentari.

Oggi, quasi 195 milioni di bambini sotto i 5 anni di età sono affetti da malnutrizione, e di questi il 90% vive nell'Africa sub-sahariana e nell'Asia meridionale. Ogni giorno almeno 20 milioni di bambini soffrono della forma di malnutrizione più grave e mortale. Ogni anno essa è responsabile della morte di 8 milioni di bambini, un terzo di questi sotto i cinque anni di età. Queste morti si potrebbero evitare se venissero soddisfatte le necessità nutritive dei bambini. Differenti strategie per affrontare la malnutrizione sono risultate efficaci e stanno producendo risultati incoraggianti in molti Paesi. Purtroppo, però, l’attuale sistema degli aiuti alimentari fornisce ancora cibo con scarso valore nutritivo ai neonati e bambini a rischio di malnutrizione, mentre è necessario finanziare programmi nutrizionali adeguati. Proprio per chiedere di cambiare tale politica di aiuti alimentari, MSF ha lanciato la petizione “Vincere la malnutrizione: il tempo di agire è ora”. Circa 100mila persone hanno già firmato la petizione che MSF presenterà ai leader del G8/G20 alla vigilia del prossimo vertice in Francia a giugno. All’interno del “Centro nutrizione” sarà distribuito il materiale per firmare la petizione, disponibile on line al sito: www.starvedforattention.org

Lettura Portfolio Domenica 12 Giugno - Ore 14:30 - 18:30 Villa Pomini – Via Don L. Testori, 14 – 21053 - Castellanza (VA)

Lettura Portfolio

Domenica 12 Giugno - Ore 14:30 - 18:30
Villa Pomini – Via Don L. Testori, 14 – 21053 - Castellanza (VA)
Autori: Roberto Mutti, Gigliola Foschi, Sandro Iovine, Fausto Raschiatore

Ore 14:30/18:30 Lettura Portfolio

Saranno presenti i seguenti esperti:


- Roberto Mutti, critico, consulente artistico, docente, giornalista

- Gigliola Foschi, critico e storico della fotografia, docente all’Ist. Italiano di Fotografia

- Sandro Iovine, direttore della rivista Il Fotografo, docente alla Kaverdash School e consulente artistico

- Fausto Raschiatore giornalista, curatore di mostre e libri

PRENOTAZIONI VIA E-MAIL: fabio_preda@yahoo.it

venerdì 29 aprile 2011

The Royal Wedding - Big Picture

The Royal Wedding

Big picture ha raccolto le migliori fotografie delle nozze reali che si sono svolte qualche ora fa.
Come sempre i servizi fotografici sono postati quasi in real time, con grande velocità e con qualità molto alta.


Catherine (Kate) Middleton arrives at Westminster Abbey before her marriage to Britain's Prince William in central London. (Toby Melville/Reuters)

Catherine Middleton and her father Michael Middleton make their way to Westminster in London, England. The marriage of Prince William, the second in line to the British throne, to Catherine Middleton was held in London today. The Archbishop of Canterbury conducted the service which was attended by 1900 guests, including foreign Royal family members and heads of state. Thousands of well-wishers from around the world have also flocked to London to witness the spectacle and pageantry of the Royal Wedding and street parties are being held throughout the UK. (Roland Hoskins/WPA Pool/Getty Images) #

Well wishers with flags surge along the Mall towards Buckingham Palace to celebrate the Royal Wedding of Prince William, Duke of Cambridge and Catherine, Duchess of Cambridge at Westminster Abbey. (Christopher Furlong/Getty Images) #

Kate Middleton waves as she arrives at Westminster Abbey accompanied by Michael Middleton, her father, and maid of honor Pippa Middleton at the Royal Wedding in London. (Alastair Grant/Associated Press) #

Pippa Middleton, sister of the bride arrives with the flower girls and page boys at Westmister Abbey. (Paul Rogers/WPA Pool/Getty Images) #

Children wave British Union Jack flags next to a police officer during the wedding service for Britain's Prince William and Kate, Duchess of Cambridge. (Dimitar Dilkoff/AFP/Getty Images) #

Royal watchers and fans gather for the Royal Wedding of Britain's Prince William and Kate Middleton. (AFP/Getty Images) (Kai Pfaffenbach/Reuters) #

Britain's Prince William and his brother and best man Prince Harry, arrive at Westminster Abbey for Prince William's marriage to Kate Middleton. (Kai Pfaffenbach/Reuters) #

Britain's Queen Elizabeth II, Prince Philip, The Duke of Edinburgh, Britain's Prince Charles and Camilla, Duchess of Cornwall meet the Dean of Westminster as they arrive at Westminster Abbey. (Adrian Dennis/AFP/Getty Images) #

Royal fans gather at St Andrews University, Scotland, to watch the royal wedding. (Andy Buchanan/AFP/Getty Images) #

Page boy Tom Petiffer looks up as he waits with bridesmaids and page boys inside the Westminster Abbey before the royal wedding. (Suzanne Plunkett/WPA Pool/Getty Images) #

Kate Middleton and her father Michael, arrive at Westminster Abbey, for Kate's marriage to Britain's Prince William, in central London. (Adrian Dennis/Pool/Reuters) #

Father of the bride Michael Middleton, leads his daughter Catherine down the aisle to be wed to Prince William, followed by Pippa Middleton during their wedding at Westminster Abbey. (Andrew Milligan/WPA Pool/Getty Images) #

Michael Middleton lifts his daughter's veil as Britain's Prince William sings during the royal wedding service at Westminster Abbey in central London. (Kirsty Wigglesworth/AFP/Getty Images) #

Prince William greets Kate Middleton as she arrives at the alter with her father Michael Middleton, prior to their marriage in London's Westminster Abbey. (Dominic Lipinski/Associated Press) #

The Royal Wedding of Prince William to Catherine Middleton at Westminster Abbey. (Dave Thompson/WPA Pool/Getty Images) #

Kate Middleton and Britain's Prince William hold hands during the wedding service at Westminster Abbey, conducted by the Archbishop of Canterbury, Dr. Rowan Williams. (Dave Thompson, Pool/Associated Press) #

Britain's Prince William and Kate Middleton exchange rings before the Archbishop of Canterbury, Dr. Rowan Williams, during their wedding ceremony In Westminster Abbey. (Dominic Lipinski/Pool/Reuters) #

Britain's Prince William places the ring on the finger of his bride, Kate Middleton, as they stand at the altar at Westminster Abbey. (APTN/Associated Press) #

Prince William, Duke of Cambridge, and Catherine, Duchess of Cambridge, prepare to leave Westminster Abbey following their marriage ceremony. (Dave Thompson/WPA Pool/Getty Images) #

Prince William takes the hand of his bride Catherine Middleton, now to be known as Catherine, Duchess of Cambridge, as they walk down the aisle followed by Prince Harry and Pippa Middleton inside Westminster Abbey. (Kirsty Wigglesworth/WPA Pool/Getty Images) #

Britain's Prince William and his wife Kate, Duchess of Cambridge, make their way out of Westminster Abbey in London, following their wedding ceremony. (Adrian Dennis/AFP/Getty Images) #

Prince William, Duke of Cambridge and Catherine, Duchess of Cambridge leave Westminster Abbey following their marriage ceremony. Thousands of well-wishers from around the world have flocked to London to witness the spectacle and pageantry of the Royal Wedding. (Andrew Milligan/WPA Pool/Getty Images) #

Britain's Prince William and his wife Catherine, Duchess of Cambridge, hold hands as they leave Westminster Abbey. (David Jones/Pool/Reuters) #

Britain's Prince William and his wife Kate, Duchess of Cambridge, leave Westminster Abbey following their wedding ceremony. (Carl de Souza/AFP/Getty Images) #

Britain's Prince William and Kate, Duchess of Cambridge leave Westminster Abbey following their wedding ceremony. (Carl de Souza/AFP/Getty Images) #

Their Royal Highnesses Prince William, Duke of Cambridge and Catherine, Duchess of Cambridge journey by carriage procession to Buckingham Palace following their marriage at Westminster Abbey. (Warren Little/Getty Images) #

Armed police laugh as they patrol along the Mall on the day of the Royal Wedding of Their Royal Highnesses Prince William, Duke of Cambridge and Catherine, Duchess of Cambridge at Westminster Abbey. (Jeff J Mitchell/Getty Images) #

Britain's Prince William and his wife Kate, Duchess of Cambridge, wave as they travel in the 1902 State Landau carriage along the Processional Route to Buckingham Palace after their wedding service. (Paul Ellis/AFP/Getty Images) #

Well wishers with flags surge along the Mall toward Buckingham Palace to celebrate the Royal Wedding of Prince William, Duke of Cambridge and Catherine, Duchess of Cambridge at Westminster Abbey. (Christopher Furlong/Getty Images) #

Prince William, Duke of Cambridge and Catherine, Duchess of Cambridge arrive at Buckingham Palace after their wedding at Westminster Abbey. (Andrew Winning/WPA Pool/Getty Images) #

The team at Fiona Cairns Ltd of Leicestershire make the finishing touches to the Royal Wedding Cake made for Prince William and Catherine Middleton in the Picture Gallery of Buckingham Palace. (John Stillwell/WPA Pool/Getty Images) #

Prince William, Duke of Cambridge, Catherine, Duchess of Cambridge and Bridesmaids Grace Van Cutsem and Margarita Armstrong-Jones greet well-wishers from the balcony at Buckingham Palace. (Peter Macdiarmid/Getty Images) #

Prince William, Duke of Cambridge and Catherine, Duchess of Cambridge kiss as Bridesmaids Grace Van Cutsem and Margarita Armstrong-Jones look on from the balcony at Buckingham Palace. (Peter Macdiarmid/Getty Images) #

Prince William, Duke of Cambridge escorts Catherine, Duchess of Cambridge from the balcony at Buckingham Palace. (Peter Macdiarmid/Getty Images) #

Catherine, Duchess of Cambridge waves to well wishers as she and Prince William, Duke of Cambridge leave Buckingham Palace. (Christopher Furlong/Getty Images) #

3° Concorso Fotografico Memorial Franco Pontiggia - Viaggio in Italia I volti, il lavoro, il folklore. Entro il 10 maggio 2011

3° Concorso Fotografico
Memorial Franco Pontiggia - Viaggio in Italia I volti, il lavoro, il folklore

Premiazione il 12 Giugno 2011
Villa Pomini di Castellanza (Va)

Autori:

Visti gli ottimi riscontri di partecipazione delle precedenti edizioni, presentiamo il 3° Concorso Fotografico Italiano dedicato alla figura di Franco Pontiggia, noto e indimenticato fotografo varesino, autore di mostre e libri di grande successo. Un progetto che nasce da una proposta della Famiglia Pontiggia, erede e custode della memoria e del patrimonio fotografico di Franco, e da un’idea dell’Archivio Fotografico Italiano, che si propone nel territorio come punto di riferimento per la diffusione della fotografia d’autore. La finalità del Premio, oltre a ricordare Franco Pontiggia, fotografo dalla straordinaria esperienza artistica e di vita, è quella di scoprire nuovi talenti artistici, offrendo loro l’opportunità di far conoscere il proprio lavoro.


Scarica qui la scheda di partecipazione da stampare, compilare ed inviare insieme alle immagini.


Scarica da qui la locandina del concorso

Regolamento:
1) Il concorso è rivolto a tutti i fotografi italiani,di ogni grado ed età.

2) La partecipazione al concorso è gratuita.

3) Il concorso prende spunto dall’opera di Franco Pontiggia, visibile nel sito www.archiviofotografico.org – gallerie autori, e ha come tema:

Viaggio in Italia - I Volti, il lavoro, il folklore.

4) I concorrenti devono presentare obbligatoriamente 6 immagini (file) in alta risoluzione, lato lungo almeno 4000 pixel, coerenti tra di loro, accompagnate dalla scheda di partecipazione, scaricabile dal sito www.archiviofotografico.org o da richiedere alla seguente mail: fabio_preda@yahoo.it compilata e firmata in ogni sua parte, pena l’esclusione dal concorso.
Ogni autore partecipante è responsabile di quanto forma e oggetto delle fotografie presentate.
Le immagini su cd-rom, devono pervenire entro e non oltre il 10 maggio 2011, al seguente indirizzo:
AFI -Claudio Argentiero – Via Cinque Giornate 41 – 21017 Samarate (Va)
Per info: T. 347 5902640

5) Entro il mese di maggio 2011, la Giuria formata da membri dell’Archivio Fotografico Italiano e da esperti collaboratori, si riunirà per selezionare gli autori più meritevoli, assegnando i Premi previsti.
La giuria terrà conto della coerenza stilistica e dell’originalità dei lavori pervenuti, non trascurando l’aspetto tecnico. IL giudizio della Giuria è inappellabile e insindacabile.

6) I vincitori saranno resi noti e premiati il giorno 12 giugno 2011 alle ore 18 presso la Villa Pomini di Castellanza (Va), nell’ambito del 2° Festival Fotografico Europeo. Tutte le immagini concorrenti saranno proiettate prima della premiazione, citando il nome dell’autore.

7) I premi previsti per gli autori più meritevoli, consegnati direttamente dalla Famiglia Pontiggia, sono:

Primo Premio: euro 500,00
Secondo Premio: euro 300,00
Terzo Premio: euro 200,00
Autore segnalato: Libri, riviste
Autore segnalato: Libri, riviste

giovedì 28 aprile 2011

Sony World Photography Awards 2011

Sony World Photography Awards 2011

Va al fotografo argentino Alejandro Chaskielberg l'Iris D'Or l'ultima edizione dei Sony World Photography Awards .
Tra le oltre 100mila immagini provenienti da circa 162 nazioni il fotoreporter 34enne si è aggiudicato il premio più ambito grazie al progetto "High Tide" che lo ha portato a vivere per oltre un anno insieme agli abitanti del delta del fiume Paranà. Tra gli altri vincitori si segnalano Chan Kwok Hung, nella categoria Open, e Bruce Davidson, come Outstanding Contribution to Photography

Fonte: Repubblica.it

MIA Fair-Milan Image Art dal 12 al 15 maggio 2011 - Superstudio Più – Via Tortona 27 - Milano

MIA Fair-Milan Image Art
L’Archivio Fotografico Italiano al MIA Fair-Milan Image Art

12-13-14-15 maggio 2011

Superstudio Più – Via Tortona 27 - Milano


MIA è una manifestazione fieristica e culturale di natura curatoriale: il comitato scientifico della fiera, composto da curatori e critici a livello internazionale, ha selezionato gli artisti e curato l’esposizione delle opere secondo criteri scientifici, mirando ad offrire una proposta culturale di grande profilo. Per la prima volta un evento fieristico mirato alla promozione e alla vendita di opere d’arte fotografiche.
Una occasione per presentare al pubblico e ai collezionisti artisti italiani e internazionali, che proporranno le proprie opere in un contesto unico in Italia. Oltre 200 espositori, 8000 mq espositivi, un pubblico previsto di oltre 20.000 persone, 3 premi di fotografia sponsorizzati, 80.000 cataloghi personalizzati, e una serie di eventi collaterali di grande interesse.

Il tutto allo STUDIO PIU’ di Milano, una multi-location moderna, polifunzionale e trasversale, un grande contenitore aperto alla città e alle grandi iniziative internazionali, nato per rispondere alle esigenze degli operatori e del pubblico più vitali nel campo della moda, dell’arte, del design, della comunicazione e della cultura, situato nel quartiere di via Tortona, centro nevralgico della città di Milano.

Visti i presupposti, L’Archivio Fotografico Italiano parteciperà al grande evento, con la finalità di far conoscere le proprie attività e gli autori della collezione a livello internazionale. Uno sforzo organizzativo rilevante per un piccolo archivio, ma gli incoraggianti risultati raggiunti attraverso i tanti eventi organizzati, la partecipazione a manifestazioni italiane ed estere, la pubblicazione della rivista “la Clessidra”, la certificazione Digigraphie Epson per la stampa fine art e la promozione dei tanti autori della collezione, sempre più rilevante e qualificata.
Ovviamente, la scelta degli autori da presentare non è stata facile, ma la coerenza stilistica unitamente all’importanza dell’evento, ci ha spinti a selezionare una serie di autori che riteniamo maggiormente significativi nel rappresentare le finalità dell’A.F.I. sotto diversi punti di vista, da quello storico-documentaristico a quello più creativo e interpretativo.

Questi gli autori presenti al M.I.A nello stando A.F.I..: Mario Lasalandra, Virgilio Carnisio, Emanuela Colombo, Davide Niglia, Claudio Argentiero, Umberto Armiraglio, Roberto Bosio, Renato Luparia, Mario Vidor, Fabio Preda, Eligio Corti.

Segreteria organizzativa: Tel. 347.5902640 / claudio.argentiero@alice.it
InfoAFI: info@archiviofotografico.org / www.archiviofotografico.org

mercoledì 27 aprile 2011

WORKSHOP: Ritratto e Glamour - 22 maggio 2011 – Tenuto da Claudio Argentiero e Umberto Armiraglio

WORKSHOP: Ritratto e Glamour

Domenica 22 maggio 2011 – ore 14:30/18:30
Parco Museo Pagani d’arte Moderna via Gerenzano, 70 - 21053 - CASTELLANZA (VA)
Autori: Tenuto da Claudio Argentiero e Umberto Armiraglio

Tra opere d’arte disseminate nel parco del Museo Pagani, e scenari creativi dalle infinite forme e sfumature, i partecipanti avranno modo di approfondire le tecniche di ripresa, il linguaggio delle mani e del corpo, l’espressività, la luce, l’uso dello sfocato e l’inquadratura.

Una opportunità per realizzare un proprio book di presentazione, con gli scatti eseguiti durante il workshop, con regolari liberatorie.


Per Informazioni e Iscrizioni:

Claudio Argentiero: claudio.argentiero@alice.it - Tel: 347.5902640

martedì 26 aprile 2011

SEMINARIO di Marianna Santoni CORREZIONE DEL COLORE, TECNICHE AVANZATE 29/05/11 Villa Pomini - via Don Luigi Testori, 14 Castellanza (VA)

SEMINARIO di Marianna Santoni
CORREZIONE DEL COLORE, TECNICHE AVANZATE in LAB, RGB e CMYK
Domenica 29 maggio 2011
Villa Pomini - via Don Luigi Testori, 14 - Castellanza (VA)
Autori: Marianna Santoni

Nell’ambito del 2° Festival Fotografico Europeo
Mostre-Lettura portfolio-Seminari-Editoria-Concorsi-Proiezioni
A.F.I. organizza:

Domenica 29 Maggio 2011 - Ore 9:30/13:00 - 14:00/17:30

SEMINARIO di Marianna Santoni
GURU DIGITAL IMAGING, Adobe Certified Expert

su:
“CORREZIONE DEL COLORE TECNICHE AVANZATE in LAB, RGB e CMYK”

Corso su Photoshop per comprendere al meglio tutti gli interventi cromatici più sofisticati volti a ottenere sempre e comunque i COLORI DESIDERATI e immagini più BRILLANTI e VIGOROSE.


Programma
  • Imparare a correggere velocemente, in modo impeccabile e senza incertezze, il bilanciamento del bianco su file RAW, JPG o TIF, in tutte le situazioni;
  • Cos'è il metodo LAB, con quali problematiche e in quali momenti del flusso di lavoro è possibile trarne il meglio;
  • Come applicare tecniche avanzate di correzione cromatica orientate al realismo per intervenire al meglio sul colore degli incarnati, del cielo e di altri elementi con problematiche specifiche;
  • Come utilizzare al meglio le Curve canale per canale in Photoshop;
  • Come utilizzare alcuni Metodi di fusione per eseguire gli interventi cromatici più sofisticati;
  • Come riprodurre in un'immagine un colore specifico in modo impeccabile;
  • Comprendere la differenza tra tinta, saturazione e luminosità;
  • Comprendere la differenza tra un'immagine con una dominante e un'immagine scalibrata;
In questo corso consigliamo di portare un blocco per gli appunti. Non è necessario portare il computer. La didattica di Marianna è sempre molto generosa ed estremamente chiara per tutti e permette ai partecipanti di apprendere ogni volta il massimo che possono sulla base delle loro competenze di partenza.

Termine iscrizioni: entro il 20 maggio 2011

Per Informazioni e Iscrizioni:
Fabio Preda - e-mail: fabio.preda@libero.it - Cell. 348.96 42 260

domenica 24 aprile 2011

Workshop - Laboratorio fotografico in Val d'Orcia - San Quirico d'Orcia — Dal 29/04/2011 al 01/05/2011

Workshop - Laboratorio fotografico in Val d'Orcia - San Quirico d'Orcia — Dal 29/04/2011 al 01/05/2011

Un laboratorio fotografico per riprendere l’esplosione dei colori primaverili toscani nelle terre di Siena, sito riconosciuto Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco

Docente: Paola Casali

Dove: San Quirico D’Orcia

Quando: dal 29 aprile al 1 Maggio 2011

Il laboratorio prevede: Soggiorno in agriturismo a San Quirico d’Orcia, con trattamento di b&b per 3 giorni/2 notti.

Programma:

1° giorno (venerdì 29 aprile):

Ore 17:00 : incontro dei partecipanti a Piazza Bologna.

Ore 17:15 : partenza con mezzi propri (una volta stabilito il numero dei partecipanti, sarà possibile individuare le vetture necessarie).

Ore 19:00 : arrivo previsto a Montepulciano. Incontro al Duomo di San Biagio per scattare, al tramonto, il paesaggio che si apre sulla Val d’Orcia.

Ore 20:15: arrivo in Agriturismo. Sistemazione nelle camere.

Presentazione del laboratorio e suggerimenti.

Cena.

In serata: scatti in notturna per chi lo desidera o visione di un documentario su un grande fotografo con discussione e confronto sull’autore.

Nota: Per chi lo desidera, è possibile raggiungere direttamente Montepulciano o l’ Agriturismo negli orari indicati.

2° giorno (sabato 30 aprile):

Ore 06:30 : scatti all’alba alla chiesetta in cui sono state girate alcune scene del film “Il Gladiatore”, nelle vicinanze dell’agriturismo.

Ore 09:00 : rientro in agriturismo per la colazione. Ore 10:00 : tour con soste libere per le strade che si snodano nella campagna della Val d’Orcia. Da San Quirico a Montalcino passando per Bagno Vignoni ed altri piccoli borghi, attraversando le dolci colline toscane, i tornanti, diventati famosi per celebri pubblicità e le terre del Brunello.

Ore 17:00 : rientro in Agriturismo. Visione delle foto e analisi/commento delle stesse.

3° giorno (domenica 1 maggio):

Giornata dedicata ai borghi toscani

Partenza per le ore 9:30.

Visita di San Quirico d’Orcia e Pienza.

Rientro previsto per pranzo o nel primo pomeriggio.

L’Associazione culturale Prospettiva 8 si riserva di modificare il programma per motivi organizzativi o per avverse condizioni meteo. In tal caso verrà data comunicazione via email o tramite cellulare fino a un giorno prima della partenza.

Partecipanti : min 6 - max 12.

Costi : 95 Euro per gli iscritti all’associazione Culturale Prospettiva 8

Per i non iscritti : 95 € + costo tessera associativa € 30

Per iscriversi alla Associazione: http://www.prospettivaotto.it/associazione/iscrizione.asp

La quota non comprende il viaggio e il soggiorno in Toscana.

Il pernottamento è previsto nell’Agriturismo “Il poderino”, un tipico casale toscano nella campagna di San Quirico d’Orcia. La sistemazione avverrà in camere doppie (con letti singoli o matrimoniali) e/o triple. Non sono disponibili camere singole.

Il costo del pernottamento con 1a colazione è di 25€/persona e dovrà essere pagato direttamente al gestore al momento del rilascio della camera.

Il prezzo è riservato al gruppo Prospettiva8.

Per partecipare al Laboratorio inviare una mail a workshop@prospettivaotto.it, unitamente alla ricevuta del versamento di 50 € come acconto di prenotazione entro il 20 Aprile 2011, sul conto intestato alla Associazione Culturale Prospettiva 8, IBAN: IT03J0200805119000401392715 (causale: Laboratorio fotografico Val d’Orcia 29 aprile – 1 maggio 2011). Il saldo dovrà essere corrisposto all’inizio del laboratorio.

Per info e contatti: workshop@prospettivaotto.it

Docenza: Paola Casali

Organizzazione tecnica ed amministrativa: Valentina Ruco, Isabella Blasi

venerdì 22 aprile 2011

IL PHOTOEDITOR NELL'EDITORIA a cura di Elena Boille - Roma 6 maggio 2011

Centro Sperimentale di Fotografia Adams presenta:

IL PHOTOEDITOR NELL'EDITORIA a cura di Elena Boille

I SEMINARI DEL CSF


Venerdi 6 maggio ore 18,30


Elena Boille photoeditor e vicedirettore de internazionale


Elena Boille, photoeditor del settimanale Internazionale, ci racconta la sua esperienza nel mondo dell'editoria, i suoi principi nella scelte delle immagini e ci invita a riflettere sull'importanza della narrazione per immagini, portando esempi di strutture riuscite di reportage pubblicati dal proprio settimanale.


www.internazionale.it


Via Biagio Pallai 12
00151Roma
tel/fax06/5344428 - 338/5785977
www.csfadams.it

Ingresso libero consigliata la prenotazione

giovedì 21 aprile 2011

Fotografie famose

Vi signaliamo un sito molto importante per la nostra cultura fotografica:
worldsfamousphotos.com
Si tratta di una raccolta di tutte le icone fotografiche, delle foto che hanno cambiato il mondo.
Un sito da spunlicare, da studiare per bene...

mercoledì 20 aprile 2011

“ISLAND LIFE” con Simona Calì Cocuzza e Fabrizio Villa Workshop di fotoreportage a Salina - Eolie 25 giugno - 2 luglio 2011

ISLAND LIFE

con Simona Calì Cocuzza e Fabrizio Villa

Workshop di fotoreportage a Salina - Eolie

25 giugno - 2 luglio 2011



I fotoreporter Simona Calì Cocuzza e Fabrizio Villa organizzano, nello splendido scenario del borgo di Pollara reso celebre dal film “Il Postino”, un laboratorio fotografico utilizzando il fotoreportage come strumento di indagine e approfondimento, con lo scopo di ritrarre la vita degli isolani nei suoi molteplici aspetti.

La comunità eoliana rappresenta un microcosmo di grande interesse

antropologico e sociale. Se ne documenterà la vita declinandola nella sua

peculiarità di mestieri quali la pesca, la raccolta del cappero, la produzione di vini e malvasia. Inoltre, una particolare attenzione verrà data al paesaggio e al rapporto che gli abitanti dell’isola hanno oggi, dopo secoli di lotta per la sopravvivenza, con gli elementi della natura.

Lo storico e critico della fotografia di fama internazionale, professor Guy

Mandery, nostro ospite a Salina, condurrà un’intera giornata del workshop sul tema del paesaggio e le sue tecniche di ripresa. Sarà anche disponibile ad una lettura e analisi dei portfoli.

I partecipanti avranno modo di vivere un’ intensa esperienza umana e creativa, partendo da un luogo d’osservazione privilegiato come Pollara “isola nell’isola”.

Ogni giorno, alle ore di lavoro si alterneranno momenti di confronto, di

discussione, di analisi degli scatti e di relax.

Gli allievi verranno alloggiati alla Locanda del Postino, un delizioso albergo a poche centinaia di metri dal quartier generale in cui si svolgeranno i briefing e le lezioni: “L’Ulivo di Pollara”, tipica casa eoliana inserita in uno scenario naturale di grande fascino.



PROGRAMMA


(suscettibile di variazioni…siamo su un’isola!)



Sabato 25

Arrivo a Salina e sistemazione a La Locanda del Postino

Incontro con i fotografi

Presentazione delle finalità e tematiche del workshop

Giro esplorativo dell’isola

Aperitivo al tramonto a ”L’Ulivo di Pollara”

Cena in albergo.


Domenica 26

Colazione in albergo e alle h.9.00 briefing a “L’Ulivo di Pollara”

In giro tra Pollara Leni e Rinella

Pranzo a Lingua da Alfredo con “ Pane Cunzato” e granita

Pomeriggio tra Lingua e Santa Marina

Rientro a Pollara e visione degli scatti a “L’Ulivo di Pollara”

Cena in albergo

Battuta notturna di pesca a totani


Lunedì 27

Colazione in albergo e alle h. 9.30 briefing a “La Locanda del

Postino”

In barca con pranzo a sacco. Un’intera giornata circumnavigando

Salina, Lipari e Vulcano alla scoperta dei set cinematografici

Rientro in albergo

Cena

A “L’Ulivo di Pollara” Simona Calì Cocuzza e Fabrizio Villa

mostreranno alcuni dei loro lavori


Martedì 27

Colazione in albergo e alle h.9.30 briefing a “L’Ulivo di Pollara”

Incontro con Guy Mandery

Pasta all’eoliana a “L’Ulivo di Pollara”

In giro per Pollara con Guy Mandery

Visita alla Casa de “Il Postino” con il proprietario, l’artista Pippo

Cafarella, che ci offrirà un aperitivo al tramonto

Cena all’agriturismo di Pollara

A “L’Ulivo di Pollara” verrà proiettato il film “ Il Postino”


Mercoledì 28

Giornata libera

h. 18.30 briefing a “L’Ulivo di Pollara”, visione degli scatti

Aperitivo al tramonto

Cena

Relax notturno nelle vasche termali della SPA a Malfa

In alternativa: gita a Stromboli con partenza nel pomeriggio in

gommone da Salina, salita al vulcano, sciara del fuoco e rientro in nottata


Giovedì 30

Colazione in albergo e briefing alle 8.30

In gommone con i biologi marini di Delphis per documentarne il lavoro di ricerca

Pranzo a Lingua da Alfredo

In gommone

Rientro in albergo

Cena

A “L’Ulivo di Pollara”proiezione del film-documentario di

Giovanna Taviani: "Fughe e approdi. Ritorno alle Eolie tra cinema

e realtà." All’incontro sarà presente l’autrice.


Venerdì 1

Colazione in albergo e alle h.9.00 Briefing a “L’Ulivo di Pollara”

Visita all’erbario e al Museo dell’emigrazione

Pranzo al bar della piazzetta di Malfa

Visita ai vigneti e alle cantine dove si produce la malvasia

Visione e analisi degli scatti

Cena a “ L’Ulivo di Pollara”.


Sabato 2

Colazione in albergo

Saluti e incontro conclusivo

Navetta per l’aliscafo.



Quota di partecipazione : 1.200 euro a persona "all inclusive":


- Workshop

- 7 gg. mezza pensione con sistemazione in camera doppia (supplemento

singola 20 euro al dì) alla Locanda del Postino - Pollara

- Trasporti interni

- Gita in barca

- Battuta notturna di pesca

- Avvistamento cetacei con i biologi marini di Delphis

- 1 pranzo a sacco

- 1 cena all’agriturismo di Pollara

- 1 pranzo e 1 cena a “L’Ulivo di Pollara”

- Aperitivi e malvasia

- Serata alle terme della SPA del Signum

- Visite alla casa del “Il Postino”, alle cantine e ai musei.

Nella quota non sono compresi i costi del viaggio per raggiungere Salina, 5 pranzi

e la gita a Stromboli (costo ancora da definire).



Ogni partecipante dovrà essere munito di propria foto-camera reflex digitale

completa di obiettivi e avere una minima preparazione di base.

E’ consigliato portare con sé il proprio computer portatile e tutto l’occorrente per

scaricare, visualizzare e conservare le immagini.


- Partecipanti al workshop: minimo 6 massimo 12.

- Iscrizione entro il 1 maggio 2011.

- Con versamento di una caparra per mezzo di un bonifico bancario (IBAN

IT07L0301916903000006001068) pari al 20% della quota (corrispondente a

240 euro). La ricevuta del bonifico dovrà essere mandata via e-mail a

simonacocuzza@tiscali.it. La caparra non verrà rimborsata in nessun caso di

rinuncia al workshop.

- Il resto della quota (corrispondente a 960 euro) dovrà essere versato via

bonifico bancario entro il 15 giugno 2011.


Informazioni e prenotazioni per il workshop e per servizio navetta + aliscafo:

simonacocuzza@tiscali.it - cell. 339.8110824


Come raggiungere Salina:

- Da Milazzo: con nave o aliscafo (Siremar / Ustica lines)

- Dall’aereoporto di Catania: servizio navetta + aliscafo (da prenotare in

anticipo)

- Da Palermo e Napoli: aliscafo diretto per Salina



Riferimenti:


http://salinaphotoreporter.com/

www.lalocandadelpostino.it

www.dicasainsicilia.it (Salina - L’Ulivo di Pollara)

www.delphisadc.it

www.pippocafarella.com




lunedì 18 aprile 2011

Consequences by NOOR fino 27 maggio alla galleria 10b Photography di Roma

Consequences by NOOR: ecco come il clima ha cambiato il mondo

Gli effetti devastanti del global warming in 112 scatti di nove fotografi tra i più famosi del pianeta. In mostra dal 16 aprile al 27 maggio alla galleria 10b Photography di Roma. A cura dei reporter di Noor

domenica 17 aprile 2011

Modena capitale della fotografia contemporanea - ex ospedale Sant’Agostino di Modena la mostra QUATTRO - fino al 5 giugno 2011

La mostra presenta oltre 70 opere, parte delle quali entrate a far parte della collezione di fotografia della Fondazione. L’a llestimento è arricchito inoltre da alcuni prestiti significativi, appositamente individuati dagli artisti per l’occasione. In mostra compaiono immagini che hanno segnato la storia della fotografia italiana, come quelle di Vittore Fossati esposte nella celebre rassegna del 1984 “Viaggio in Italia”, o che hanno dettato l’inizio di una lunga carriera, come i Flippers di Olivo Barbieri, o ancora fotografie che nel tempo si sono sapute imporre come punti di riferimento per specifici ambiti di ricerca, come il complesso lavoro di Guido Guidi sui luoghi marginali o l’indagine seriale di Walter Niedermayr sulle trasformazioni del paesaggio alpino.


Olivo Barbieri (Carpi, 1954) è rappresentato da due serie di opere che illustrano gli esordi della sua carriera. Flippers, realizzata nel 1977 all’interno di una fabbrica di assemblaggio di pinball machine abbandonata e distrutta, è il primo progetto esposto da Barbieri, che debuttò nel 1978 alla Galleria Civica di Modena con un testo di presentazione di Franco Vaccari. Smembrati e privati della loro funzione originaria, i flippers agiscono come deposito della cultura e dell’immaginario di un’intera epoca, cristallizzando autentiche icone come i Beatles e i Rolling Stones, la fantascienza e l’epopea del Far West. A fianco di esse, sono esposte fotografie realizzate qualche anno più tardi, che testimoniano il confluire dell’interesse dell’artista verso una nuova rappresentazione del paesaggio. In linea con la necessità, all’epoca molto sentita, di un rinnovamento dello sguardo, Barbieri indaga realtà periferiche del territorio italiano e francese, entro cui ritrae soggetti minimi e raccoglie frammenti di quotidianità.


Figura cardine della fotografia italiana contemporanea, Guido Guidi (Cesena, 1941) è stato tra i primi, in Italia, a fotografare il paesaggio marginale e anti-spettacolare della provincia. Le ricerche avviate negli anni Settanta sull’edilizia spontanea della Romagna orientale (1971-72), o sulla Strada Romea (1975-90) - che collega Cesena, la sua città, a Venezia, dove studiava e oggi insegna -, o quelle successive sulle aree industriali di Porto Marghera e Ravenna (1983-97) o sui paesaggi “interposti” tra i centri urbani europei (1993-96) si concentrano su luoghi liminari, familiari al fotografo, e condividono un carattere aperto e interrogativo. La selezione esposta nella mostra Quattro comprende i lavori di Porto Marghera, le ricognizioni su una cava di inerti sul Monte Grappa, immagini tratte dalla serie “Rimini Nord” e quelle scattate nel 1989 a Gibellina. Per queste ultime lo sguardo del fotografo cesenate è stato paragonato a quello di un archeologo: il lavoro da lui condotto negli anni è un’operazione di scavo stratigrafico, grazie alla quale, senza imporre idee preconcette, raccoglie sistematicamente i segni del passato e del presente.

Vittore Fossati (Alessandria, 1954) si è avvicinato alla fotografia alla fine degli anni Settanta, strutturando la sua ricerca sul significato stesso del guardare e sui meccanismi visivi che determinano il nostro approccio alla realtà e modulano al contempo la lettura che ne riportiamo. Spesso rivolte al paesaggio – allestito oppure “trovato” – le sue immagini svelano collegamenti e rimandi inattesi, in un dialogo tra elementi che, accostati e riordinati attraverso la fotografia, danno luogo a nuovi percorsi possibili. All’interno della mostra Quattro l’opera di Fossati sarà rappresentata da immagini tratte dalle serie “Belle Arti”, “Appunti per una fotografia di paesaggio” e “Viaggio in Italia”: da quest’u ltima, in particolare, sarà riproposta la celebre fotografia del 1981, Oviglio, Alessandria, nella quale un arcobaleno domina un paesaggio di campagna e contribuisce a costruire lo schema prospettico della scena. La fotografia fu pubblicata sul catalogo del progetto di Luigi Ghirri, Gianni Leone ed Enzo Velati “Viaggio in Italia”, in apertura della sezione intitolata “A perdita d’o cchio”. Nell’opera di Fossati, infatti, il senso dell’infinito è molto presente: motivi ricorrenti sono l’acqua dei fiumi che scorre e disegna la terra; gli alberi e i loro rami, incaricati di guidare lo sguardo più lontano, congiungere elementi e piani del paesaggio fra loro non comunicanti; il cielo di azzurri sempre diversi, l’a rcobaleno.
Nucleo centrale dell’esposizione – una sorta di mostra nella mostra - è una serie di oltre 20 opere fotografiche di grande formato di Walter Niedermayr (Bolzano 1952), affiancate da una selezione di video dell’artista. Sin dagli anni Ottanta Niedermayr ha avviato un’ ampia indagine sull’interazione dell’uomo con l’ambiente montano osservando le profonde mutazioni subite dal territorio in seguito al crescente fenomeno del turismo di massa e dei suoi effetti - evidenti sia in termini di presenza umana che di costruzione di infrastrutture. All’apparenza spettacolari, le sue opere seriali creano nell’osservatore una sorta di disorientamento sollevando domande legate alla percezione visiva dello spazio, oltre che agli effetti dell’azione umana sulla natura. Le ultime ricerche dell’a rtista nell’ambito dell’indagine sul paesaggio alpino sono state affiancate da un nuovo importante capitolo, l’esplorazione del territorio iraniano. Nella serie realizzata in Iran (2005-2008) l’a rtista delinea l’immagine di un territorio ricco di fascino, dove i resti delle antiche culture convivono con i tratti di un Paese in trasformazione, che a partire dalla Rivoluzione islamica del 1979 ha assistito a un rapido sviluppo urbano, spesso influenzato dai modelli delle società occidentali.

Le acquisizioni del quarto nucleo di fotografie proseguono il percorso avviato da Fondazione Fotografia con la collezione italiana: quello di raccontare attraverso immagini fondamentali gli sviluppi della fotografia del nostro Paese. Attraverso le visioni dei quattro autori coinvolti, la mostra Quattro introduce differenti approcci al mezzo fotografico e, attraverso di esso, alla realtà contemporanea.

La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue a cura di Claudia Fini e Francesca Lazzarini, edito da Skira, che raccoglie le opere entrate in collezione, introdotte da un testo critico e da biografie e introduzioni per ogni artista. Per il nucleo di immagini di Walter Niedermayr è previsto anche un volume specifico, sempre edito da Skira, che offrirà un ulteriore strumento di approfondimento. Per il numero e la rappresentatività delle immagini, la sezione riservata a Niedermayr all’interno della mostra Quattro può essere considerata una personale dell’artista: è destinata infatti a transitare anche al di fuori del territorio nazionale, nell’ambito della programmazione di importanti musei europei.


Fonte: gazzetta di modena